Iniziative della Fondazione per salvaguardare il libero accesso ai tre Monumenti del 2° Corpo Polacco a Montecassino

La Fondazione si sta adoperando affinché sia salvaguardato il libero accesso ai tre Monumenti realizzati dal 2° Corpo d’Armata polacco negli anni 1945/1946 nella zona dell’Albaneta di Montecassino,  che recentemente è stata data in affitto ad un imprenditore privato. Si riportano di seguito, con  cronologia a ritroso, le iniziative messe in atto a tale scopo dalla Fondazione.

________________________________________________________________________________

  • 15/11/2017 – Elenco delle firme della petizione e i commenti .

         Elenco delle firme

Commenti dei firmatari

________________________________________________________________________________

  • 8/11/2017 – Replica dell’Associazione dei Polacchi e della Fondazione al locatario

L’Associazione Generale dei Polacchi in Italia e la Fondazione del Museo Memoriale di Montecassino hanno replicato con un comunicato stampa congiunto alle affermazioni espresse dal locatario dei terreni dell’Albaneta e riportate sulla stampa locale  secondo le quali la via Albaneta non serve a raggiungere i Monumenti polacchi.

Comunicato stampa

In alcuni articoli di stampa è riportata la singolare affermazione del locatario dei terreni dell’Albaneta che la strada pubblica Albaneta non sarebbe necessaria per raggiungere i Monumenti polacchi. Non capiamo come possa ragionevolmente farsi un’affermazione del genere, dato che la strada pubblica Albaneta è con ogni evidenza indispensabile per arrivare a tutti e tre i monumenti. Tutti possono verificarlo sul posto o soltanto aprendo una mappa della zona. Dalla strada Albaneta si dipartono i percorsi di accesso ai tre Monumenti il cui imbocco è segnalato di volta in volta dai cippi segnaletici posti più di settant’anni fa dal 2° Corpo polacco proprio sul tracciato della strada pubblica Albaneta. Non è vero quindi che la declassificazione di una parte della strada Albaneta sarebbe ininfluente ai fini dell’accessibilità ai monumenti polacchi. Al contrario, se questa venisse approvata, sarebbe del tutto compromessa la libera accessibilità ai monumenti già ora molto precaria.

Del resto è lo stesso locatario a dire che in qualsiasi momento potrebbe “chiudere e/o regolamentare” i percorsi verso i Monumenti posti sulla proprietà privata e che tutto questo, secondo lui, sarebbe come prevede la legge.

Vogliamo ribadire che su tali percorsi esiste un diritto di passaggio da più di settant’anni. A settembre 2016 abbiamo chiesto all’Abbazia di formalizzare tale diritto per rendere possibili interventi di manutenzione e ripristino dei percorsi verso i Monumenti, da eseguire interamente a nostre spese. Siamo ancora in attesa di una risposta. Inoltre il Ministero del Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha ribadito che i Monumenti del 2° Corpo polacco situati all’Albaneta, con ogni cosa relativa di interesse storico, viabilità vicinale compresa, sono immobili assoggettati al demanio pubblico culturale ai sensi della legge italiana e come tali devono godere della libera fruibilità pubblica. Quindi nessuna chiusura e/o regolamentazione da parte di un privato sarebbe possibile senza infrangere la legge.

Le parole del locatario sono comunque utili perché servono a far capire una volta per tutte che non è possibile che luoghi della memoria tanto importanti e sacri siano lasciati alla mercè di un imprenditore privato, che potrebbe in qualsiasi momento imporre chiusure e/o regolamentazioni di accesso.

Urszula Stefanska Andreini – Presidente dell’Associazione Generale dei Polacchi In Italia

Pietro Rogacien – Presidente della Fondazione Museo Memoriale di Montecassino

23243997_10214450830934666_2554066357696144319_n

IMG-20171107-WA0002

________________________________________________________________________________

 

05/11/2017 – Ritiro della richiesta di privatizzazione da parte del locatario.

Nel pomeriggio di domenica 5 novembre, grazie alla nostra campagna di raccolta firme a sostegno della petizione al Sindaco di Cassino e dopo che sui social era stato diffuso un comunicato dell’Ambasciata di Polonia in Roma indirizzato alle Autorità di Cassino con il quale si esprimeva preoccupazione per quanto stava avvenendo, il tentativo di privatizzare la strada pubblica di Albaneta è stato momentaneamente bloccato. Il locatario ha “sospeso” la sua istanza di privatizzazione, ma ha già annunciato ulteriori azioni, per cui non è da escludere che vorrà tornare alla carica. E’ necessario perciò continuare  a vigilare.  Ringraziamo tutti i nostri amici che da tutto il mondo hanno firmato la petizione.   A loro chiediamo di continuare a sostenere questa causa e a diffondere queste notizie tra i propri amici e conoscenti.

Comunicato dell’Ambasciata

23244384_10215108729418347_111687928682327416_n

Comunicato del locatario in cui annuncia il ritiro della richiesta

IMG-20171107-WA0004

________________________________________________________________________________

Petizione al Sindaco di Cassino.

La richiesta di privatizzazione della via Albabeta e il conseguente rischio che il Comune di Cassino potesse approvarla, vanificando in tal modo  l’azione che la comunità polacca in Italia e diverse associazioni italiane hanno portato avanti negli ultimi mesi al fine di ottenere  la completa liberalizzazione degli accessi all’area dell’Albaneta e quindi anche ai monumenti polacchi, ha determinato una reazione decisa da parte delle associazioni  polacco-italiane, che si è concretizzata in una petizione al Sindaco del Comune di Cassino volta ad ottenere il diniego della richiesta di privatizzazione. La petizione ha avuto moltissime adesioni e in pochi giorni sono state superate le 4000 firme.

Testo della petizione

IMG-20171102-WA0001

 

________________________________________________________________________________

  • 26/10/2017 – Convocazione della Commissione consiliare del Comune di Cassino per esaminare la richiesta di privatizzazione della strada Albaneta avanzata dal locatario.

Dopo che il Tribunale Amministrativo del Lazio con la sentenza del 23 marzo 2017 ha stabilito in modo inequivocabile che la strada Albaneta è di proprietà pubblica e non privata, il locatario del terreni, nell’intento di  appropriarsi della strada e poter quindi gestire a sua totale discrezione gli accessi all’area (dove, ricordiamo, insistono i tre monumenti realizzati dal 2° Corpo polacco), ha inoltrato una richiesta di declassificazione da strada pubblica a strada privata della via Albaneta. Il Comune di Cassino ha fissato al 6 novembre 2017 la riunione della Commissione consiliare chiamata a decidere sulla richiesta di declassificazione.

Convocazione della Commissione consiliare del Comune di Cassino

________________________________________________________________________________

  • 31/07/2017 – Nuova lettera della Fondazione al MiBACT.

La risposta del MiBACT del 13 luglio 2017 alla lettera della Fondazione del primo giugno 2017,  pur suscitando grande apprezzamento per il ribadito carattere  pubblico dei Monumenti polacchi dell’Albaneta,  presenta tuttavia alcuni punti controversi circa la reale fruibilità dei Monumenti. Secondo il MiBACT, che implicitamente riconosce che attualmente i Monumenti polacchi non sono raggiungibili attraverso i percorsi realizzati dal 2° Corpo polacco negli anni 1945/46, la Fondazione dovrebbe prendere accordi con il proprietario del suolo per avviare un progetto di ripristino dei vecchi percorsi realizzati dal 2° Corpo polacco per raggiungere i Monumenti. In realtà la Fondazione, a questo scopo, ha già fatto una precisa proposta al proprietario del suolo fin dal settembre 2016, che però non ha avuto finora alcun esito.  E’ stata pertanto inoltrata una nuova lettera al MiBACT con la quale si chiede espressamente di intervenire presso il proprietario del suolo  per obbligarlo a formalizzare con atto pubblico il diritto di accesso ai Monumenti in modo da consentirne la libera fruibilità.

RISPOSTA A LETTERA MIBACT N. 8561 DEL 13.07.2017 (1).compressed

Image Image (2)

________________________________________________________________________________

 

  • 13/07/2017 – Risposta del MiBACT alla lettera della Fondazione del primo giugno 2017.

Il MiBACT con nota in data 13/07/2017, prot. n. 8561 ha risposto alla lettera che la Fondazione aveva inviato in data primo giugno 2017. Nella risposta del MiBACT  si ribadisce che i Monumenti del 2° Corpo polacco situati all’Albaneta, con ogni cosa relativa di interesse storico, viabilità vicinale compresa, sono immobili assoggettati al demanio pubblico culturale ai sensi della legge italiana. Si tratta senza dubbio di un importante e autorevole riconoscimento dell’interesse pubblico che rivestono i Monumenti polacchi dell’Albaneta in quanto beni culturali.   Secondo il MiBACT però non sussistono le condizioni per espropriare i terreni su cui insistono i monumenti, dato che risulta del tutto libero l’accesso pedonale alla strada vicinale Albaneta, che è di proprietà pubblica. Sempre secondo il MiBACT,  se per accedere ai Monumenti polacchi è necessario  utilizzare i tratti stradali realizzati dal 2° Corpo polacco sulla proprietà privata, la Fondazione  dovrebbe prendere accordi con il proprietario del suolo per ripristinare i percorsi di accesso posti sulla proprietà privata.

cassino

Risposta Mibact 0001 Risposta Mibact 0002

________________________________________________________________________________

 

  • 01/06/2017 – Lettera della Fondazione al MiBACT sul possibile esproprio dei terreni su cui insistono i tre Monumenti polacchi dell’Albaneta.

In una nota dello scorso mese di aprile, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT), rispondendo ad una richiesta di esproprio dei terreni su cui insistono i tre Monumenti polacchi dell’Albaneta di Montecassino, ha chiarito che i tre Monumenti polacchi appartengono al demanio culturale pubblico e, in quanto tali,   devono godere della libera fruibilità pubblica, cosa che, secondo il Ministero, sarebbe assicurata dal fatto che la strada di accesso ai Monumenti, la strada vicinale “per l’Albaneta”, è di proprietà pubblica.

Nella nota il Ministero arriva alla conclusione che non si possono espropriare terreni che sono già di uso pubblico. Questa valutazione secondo la Fondazione si basa su presupposti non esatti. Per raggiungere i Monumenti, infatti, non è sufficiente percorrere la strada pubblica “per l’Albaneta”, ma è necessario transitare anche su alcuni tratti stradali realizzati dal 2° Corpo polacco oltre settant’anni fa su terreni di proprietà dell’Abbazia, quindi di proprietà privata e pertanto suscettibili di essere espropriati.

Lettera al MiBACT-SABAP-LAZ.

ImageImage (2)

 

Lettera del Ministero:

mibact espropriomibact esproprio 1

______________________________________________________________________________

 

  • 15-05-2015:  Comunicato stampa della Fondazione sulla visita dell’Ambasciatore bielorusso al cimitero polacco di Montecassino.

La Fondazione ha replicato con un comunicato stampa alla notizia apparsa sulla stampa locale della visita,  il 10 maggio 2017,  dell’Ambasciatore della Repubblica di Belarus in Italia al Cimitero polacco di Montecassino. Secondo i giornali, scopo della visita dell’alto diplomatico bielorusso era onorare i soldati bielorussi che sarebbero caduti durante la battaglia di Montecassino.

Nel comunicato stampa della Fondazione, pubblicato da diversi giornali locali, si precisa che una tale notizia genera disinformazione perché induce a pensare che assieme ai soldati polacchi combattesse un reparto bielorusso, cosa questa priva di fondamento in quanto tutti i soldati appartenenti al 2° Corpo d’armata polacco erano cittadini polacchi.

Questa azione sembrerebbe poco attinente con lo scopo di questa pagina che è quello dare informazioni sulle iniziative messe in atto dalla Fondazione per salvaguardare i Monumenti polacchi dell’Albaneta. Tuttavia, data l’enfasi con la quale una tale notizia è stata presentata, si è ritenuto opportuno riportare un comunicato stampa teso a puntualizzare   la verità storica della vicenda del 2° Corpo d’armata polacco .

COMUNICATO STAMPA

1383244_654634434570757_1980015219_n

 

Articoli di stampa e online sulla visita dell’Ambasciatore bielorusso:

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/05/111068/

articolo Omaggio ai caduti bielorussi

https://www.facebook.com/comunecassino/photos/pcb.804533969714697/804533763048051/?type=3

 

Articoli della stampa locale con la replica della Fondazione:

IMG-20170516-WA0002IMG-20170516-WA0001IMG-20170516-WA0000

http://www.alessioporcu.it/commenti/guderian-rogacien-montecassino-bielorussia/

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/05/sulla-visita-dellambasciatore-della-bielorussia-arrivano-le-precisazioni-della-fondazione-del-museo-memoriale-del-2-corpo-darmata-polacco-in-italia/

_____________________________________________________________________________

 

  • 04-04-2017: Lettera al Prefetto di Frosinone.

In data 3 aprile 2017 il Prefetto di Frosinone Dott.ssa Emilia Zarrilli ha effettuato un sopralluogo ai Monumenti polacchi dell’Albaneta.  Degli esiti del sopralluogo la stampa locale ha fornito resoconti contrastanti.  In alcuni articoli si legge che la Prefetto avrebbe espresso apprezzamento per il progetto di valorizzazione dell’area dell’Albaneta annunciato dall’imprenditore, ma anche l’auspicio che la strada dell’Albaneta resti aperta a tutti. Nell’articolo del giornale locale „Ciociaria Oggi”  si riportano dichiarazioni attribuite alla Prefetto che avallerebbero addirittura la reintroduzione del famigerato biglietto di accesso all’area dell’Albaneta.

Proprio per sollecitare un chiarimento in merito a tali contraddizioni, la Fondazione ha scritto una lettera alla Signora Prefetto Zarrilli. Non avendo la lettera avuto riscontri,  trascorse due settimane dal suo invio, si è deciso di pubblicarla sul sito.

Lettera alla Signora Prefetto Emilia Zarrilli – 04-04-2017

 

001

 

Stralcio articolo del quotidiano Ciociaria Oggi

________________________________________________________________________________

 

  • 27-03-2017:  Lettera al Sindaco di Cassino contenente richieste riguardanti l’accesso ai tre Monumenti polacchi

Dopo la sentenza del TAR Lazio n. 00191/2017,   che ha sancito in modo incontrovertibile che la strada “Albaneta” è di proprietà pubblica, la Fondazione ha chiesto al Comune di Cassino, in quanto ente proprietario, di provvedere alla sistemazione di detta strada.

Lettera al Sindaco di Cassino con richieste riguardanti l’accesso ai tre Monumenti polacchi

 

0001 (4)0002 (4)

00010002000300040005

_______________________________________________________________________________

 

  • 23 marzo 2017:  Sentenza del TAR Lazio n. 00191 del 23 febbraio 2017 che ha sancito la natura pubblica della strada dell’Albaneta

Con sentenza n. 00191 del 23 febbraio 2017, pubblicata il 23 marzo 2017, il Tar del Lazio ha respinto il ricorso presentato a suo tempo dall’Abbazia di Montecassino  e dall’imprenditore Daniele Miri contro la rimozione forzata del cancello che sbarrava la strada dell’Albaneta, disposta con ordinanza del 2 febbraio 2016 dall’allora Sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone. I ricorrenti avevano rivendicato il carattere privato della strada Albaneta.  Nel rigettare il ricorso, il TAR del Lazio ha ribadito il carattere pubblico della strada,  motivando la decisione anche in virtù del fatto che la strada è  “utile per il raggiungimento di un punto di interesse storico (Monumento in memoria dell’esercito polacco)”.

SENTENZA DEL TAR LAZIO N. 00191-2017

Stralcio della mappa catastale di impianto in cui è chiaramente indicata la strada vicinale di uso pubblico Albaneta-Villa Santa Lucia

Stralcio mappa di impianto fg 17

_______________________________________________________________________________

 

  • 03/10/2016:  Incontro con l’Abate Ogliari presso la sede dell’Ambasciata di Polonia

Il 3 ottobre 2016, su iniziativa di S.E. l’Ambasciatore Tomasz Orłowski, si è tenuto un incontro con l’Abate Ogliari presso la sede dell’Ambasciata polacca di Roma per verificare la possibilità di arrivare ad una soluzione condivisa della questione dell’Albaneta. L’Abate era accompagnato dall’imprenditore Daniele Miri, locatario dei terreni dell’Albaneta,  e dall’arch. Giacomo Bianchi, incaricato dall’imprenditore di redigere un progetto di recupero e valorizzazione dei ruderi dell’antico convento di Santa Maria dell’Albaneta (la “Mass.a Albaneta” delle mappe topografiche militari). All’incontro ha partecipato anche il Presidente della Fondazione.  Al termine dell’incontro si è convenuto che la parte polacca avrebbe fatto pervenire all’Abbazia un documento con elencate le condizioni irrinunciabili per iniziare una fase di dialogo e di confronto.

La Fondazione ha partecipato alla stesura del suddetto documento elaborandone una prima bozza. Tale bozza è stata in seguito leggermente modificata con alcune aggiunte e correzioni. Il testo definitivo è stato inviato  il 10 ottobre 2016  all’Abate, all’imprenditore e alla Fondazione.

Si riporta il testo della prima bozza che sostanzialmente non è stato modificato dal testo definitivo.

Auspici polacchi nella vicenda dell’Albaneta (1° bozza)

Da parte dell’Abbazia e dell’imprenditore non è stata però dimostrata reale disponibilità a recepire gli auspici espressi.

IMG-20161124-WA0001 IMG-20161124-WA0003IMG-20161124-WA0002

________________________________________________________________________________

 

  • 01-09-2016: Proposta della Fondazione per formalizzare il diritto di accesso ai tre Monumenti del 2° Corpo Polacco a Montecassino

La Fondazione ha chiesto all’Abbazia di Montecassino di formalizzare il diritto di accesso ai Monumenti realizzati dal 2° Corpo Polacco negli anni 1945-46. Con la recente locazione dei terreni dell’Albaneta ad un imprenditore privato, che intende mettere a profitto tutta la zona,  diventa preminente da parte polacca salvaguardare il libero accesso ai Monumenti, che si trovano tutti sui terreni dati in affitto. Condizione irrinunciabile per tale salvaguardia è che la gestione degli accessi ai Monumenti sia indipendente rispetto alle attività economiche del locatario. A questo scopo la Fondazione ha scritto una lettera a S.E. Dom Donato Ogliari, Abate Ordinario dell’Abbazia di Montecassino,  dichiarandosi disponibile a sostenere le spese derivanti da tale formalizzazione.

La proposta è stata discussa durante un incontro con Dom Ogliari tenutosi presso la sede dell’Ambasciata di Polonia il 3 ottobre 2017 .

Lettera per S.E. Dom Donato Ogliari – Abate Ordinario dell’Abbazia di Montecassino

 

2016-09-01 0012016-09-01 0022016-09-01 0032016-09-01 004

________________________________________________________________________________

I monumenti polacchi dell’Albaneta di Montecassino

00010002

000300040005

________________________________________________________________________________

 

  • 01/06/2016 – 14/10/2016:  Decreto di vincolo del Ministero dei Beni e delle Attività   Culturali e del Turismo sui luoghi della battaglia di Montecassino

La prima delle azioni auspicate, ossia una normativa di tutela dei luoghi della battaglia di Montecassino, si è concretizzata in data 01/06/2016 con l’avvio del procedimento di “dichiarazione dell’interesse culturale” dei luoghi della battaglia di Montecassino, cui ha fatto seguito al termine della  procedura di legge, l’emissione del decreto di vincolo da parte del MIBACT in data 14/10/2016.

MIBACT –  01.06.2016 – Avvio del procedimento di vincolo sui luoghi della battaglia di montecassino

MIBACT – 14.10.2016 -Decreto di vincolo

 

14702381_10209266982623450_5257670031293704097_n14720507_10209266983463471_5997835508429521204_n14731235_10209266969183114_8988931059211299417_n

 

________________________________________________________________________________

 

  • 12/03/2016 – Intervento del Presidente della Fondazione alla XXI Assemblea dell’Associazione Generale dei Polacchi in Italia.

Nell’intervento,  oltre a presentare un resoconto della situazione di fatto,  riprendendo le argomentazioni già esposte nell’articolo su Polonia-Włoska, sono state auspicate  due azioni concrete al fine di scongiurare altre iniziative oltraggiose del tipo di quelle messe in atto con il “villaggio di Natale” e salvaguardare l’accesso libero e gratuito ai Monumenti polacchi:

  1. Sollecitare le istituzioni italiane  ad introdurre una normativa di tutela dei luoghi della battaglia di Montecassino,
  2. Ripristinare i vecchi tracciati stradali realizzati nel 1945 con il consenso dell’Abbazia dal 2° Corpo per accedere ai Monumenti

ALBANETA – RELAZIONE IN ITALIANO

________________________________________________________________________________

 

  • Gennaio 2016 – Articolo sul Bollettino Polonia-Włoska n. 1-2 2016.

Nell’articolo viene riportata la cronistoria della vicenda dell’oltraggioso  “Villaggio di Natale” allestito da un imprenditore privato nella zona dell’Albaneta e si prospettano soluzioni per salvaguardare il carattere sacro dei luoghi e l’accesso libero e gratuito ai Monumenti polacchi

Articolo sul Bollettino Polonia-Wloska

 

Informazioni

Orari di apertura:

Orario servizio guide dal 03/11/2017 al 31/12/2017

Dal Lunedì al Venerdì

—-/—-

Sabato e Domenica

10,00/16,00

N.B.  Il servizio guide è interamente a carico della Fondazione.

Nulla è dovuto dai visitatori

Numeri utili:

+39 064814263

+39 3291561690

Il Museo ora è chiuso

Visita virtuale del Museo

Cimiteri Militari Polacchi in Italia Ricerca delle Tombe

Orso Wojtek

Fondazione del Museo Memoriale del 2° Corpo d’Armata Polacco in Italia
Via Piemonte 117 – 00187 Roma – email: info@fondazionemm2c.org

 

Museo Memoriale del 2° Corpo d’Armata Polacco a Montecassino
Cassino (FR) – località: Montecassino – Cimitero Militare Polacco